Design

Cosa distingue il Design italiano Mid-Century?

Mentre il modernismo era un periodo di produzione di massa negli Stati Uniti, il suo contemporaneo italiano rappresentava qualcosa di diverso

Pensi di conoscere il design moderno di metà secolo? Potresti conoscere campioni come Le CorbusierCharles e Ray EamesEero SaarinenHans Wegner e Arne Jacobsen, ma quanto conosci Gio PontiAchille CastiglioniCarlo Scarpa e Carlo Mollino?

Sebbene questi designer italiani della metà del secolo potrebbero non avere il riconoscimento del nome come alcune delle loro controparti scandinave e americane nel mercato di massa, sono stati parte integrante dello sviluppo di un’estetica moderna in Europa e c’è un mercato stabile per i loro mobili che continua a crescere oggi. Molteni&C sta rimettendo in produzione la sedia Round di Gio Ponti del 1957 dopo che uno degli originali è stato venduto all’asta per $ 80.000 da Phillips lo scorso anno. Su 1stdibs troverai un set di tre delle prime sedie Superleggera del 1957 di Ponti, attualmente disponibili per € 4.500.

La lampada Arco del 1962 dei fratelli Pier Giacomo e Achille Castiglione per Flos è stata copiata all’infinito ma mai migliorata. Flos attualmente lo vende per $ 3.295. Un asta di Christie’s di una collezione in vetro 1926-1962 di Carlo Scarpa ha prodotto prezzi nell’ordine di quasi tre milioni di dollari. L’anno scorso, un tavolo da pranzo di Carlo Mollino venduto all’asta da Sotheby’s è stato venduto per la cifra record di $ 6,2 milioni .

Tavolo da pranzo Carlo Mollino all’asta da Sotheby’sGetty Images

Come le loro controparti internazionali, questi designer italiani hanno apprezzato il matrimonio tra forma e funzione, ma ci sono alcune differenze chiave che distinguono il design italiano di metà secolo. Lo storico dell’arte Brian Kish, uno dei massimi esperti di design italiano del XX secolo, dichiara: “E’ tutto proveniente da un gruppo di uomini e donne delle classi superiori. Questi cosiddetti gentiluomini – e gentildonne – architetti avevano una grande educazione, di solito dei classici, e una padronanza della storia, e avevano grandi biblioteche ereditate da generazioni di famiglia”. Questo modello, secondo Kish, era anacronistico e non si adattava alla narrativa di molti designer modernisti dell’epoca.

Mentre negli Stati Uniti il ​​modernismo era legato all’espansione suburbana e alla necessità di democratizzare il buon design per la classe media, in Italia il buon design era generalmente prodotto da e per la classe superiore. Sebbene l’avvento di nuovi materiali come plastica, schiuma e fibra di vetro abbia rivoluzionato il processo di produzione, i designer italiani hanno ancora apprezzato l’artigianato rispetto all’industrializzazione. E anche quando hanno lavorato con nuovi materiali o modi di ingegneria, hanno apprezzato i materiali più tradizionali come la ceramica, il vetro, il legno e il marmo. “Lo prendono molto sul serio, fa parte dell’identità nazionale”, ha detto Kish


Secondo Kish,  Gio Ponti è la figura che ha catapultato l’Italia nel XX secolo. Architetto di formazione, ha costruito case private, chiese e grattacieli, ha anche disegnato ceramiche per Richard Ginori e ha realizzato mobili. Era incredibilmente prolifico, progettando case ovunque, da Caracas a Teheran con linee eleganti, geometrie semplici, layout a pianta aperta e la sfocatura dello spazio interno ed esterno.

Ma c’è qualcosa nel suo uso del colore che sembra unicamente italiano. La combinazione di colori rigorosamente blu e bianco dell’ Hotel Parco dei Principi a Sorrento, rispecchia le tante sfumature di blu che si vedono appena fuori l’hotel nel Mar Mediterraneo. Il giallo solare, il verde bosco e i marroni caldi di Villa Planchart a Caracas, evocano la campagna italiana. 

Per Gio Ponti e i suoi contemporanei italiani, il colore era fondamentale.